Smart working e la creazione di un angolo studio

Smart working e la creazione di un angolo studio

Smart working e la creazione di un angolo studio
Lo smart working porta alla necessità di creare un angolo studio in casa

Lo sviluppo dello smart working, ovvero del lavoro svincolato dagli orari e soprattutto dagli spazi fisici di un ufficio esterno, ha portato molti home worker a ritagliarsi uno “spazio” in casa per poter lavorare.

Smart Working: le principali accortezze per ricavare uno spazio

Innanzitutto è necessario valutare lo spazio fisico a disposizione. In presenza di una casa con più ambienti sarà più semplice trovare quello da destinare allo scopo in base a luminosità, temperatura e privacy.

Se c’è la possibilità di avere una stanza per realizzare l’ufficio allora è il caso di togliere tutto il superfluo e soprattutto non farla diventare luogo di gioco dei bambini.

La capacità di tenere alta la concentrazione nelle ore che si è deciso di dedicare al lavoro consentirà di gestire al meglio l’organizzazione temporale. Bisogna scongiurare il rischio che le faccende domestiche abbiano il sopravvento sulle ore destinate al lavoro, per poi trovarsi a gestire gli arretrati durante il tempo che dovrebbe essere dedicato alla famiglia e allo svago.

Smart working: una corretta pianificazione è importante

Una cattiva pianificazione e l’incapacità di tenere separate le cose provocano, inevitabilmente, l’effetto boomerang, per il quale sembra di essere contemporaneamente a casa e a lavoro senza rispettare le scadenze e essere costantemente stanchi e frustrati.

Smart working: soluzioni pratiche

Non si dispone di una stanza da destinare ad ufficio? Poco male, oggi viene in aiuto il design con molteplici soluzioni pratiche ed eleganti; ad esempio lo scrittoio in legno naturale vicino alla finestra così elegante da integrarsi nei soggiorni più moderni, oppure la scrivania nascosta da una libreria séparé che divida il soggiorno dal nostro angolo privato.

Smart working e l'angolo studio creato ad hoc
Smart working: angolo studio ad hoc

In caso di spazi limitati il vero trucco è non eccedere nella cancelleria a vista ma optare per gli accessori veramente necessari:

  • pc;
  • stampante;
  • dossier, se occorrono;
  • cordless;
  • caricabatterie; facendo attenzione a raccogliere ordinatamente tutti cavi.
  • una cassettiera da inserire sotto la scrivania dove riporre carta penne e cancelleria;
  • e infine il piano di lavoro sgombro perché aiuta la concentrazione.

Indipendentemente dal posizionamento della scrivania; è il caso che quest’ultima sia dell’altezza giusta al fine di garantire il giusto appoggio alle braccia e a terra avere il giusto rialzo per le gambe.

Smart working: la luce è importante

Se possibile va scelto l’ambiente o l’angolo che offre l’illuminazione naturale migliore.

La luce è fondamentale per un ambiente produttivo; aiuta la concentrazione e previene la stanchezza. Scegliere anche una lampada idonea ad illuminare la postazione durante le ore buie e le giornate di pioggia. Altrettanto importante per gli occhi sarà la retroilluminazione dello schermo pc e l’illuminazione della tastiera.

Se l’obiettivo è mettere in risalto l’angolo scelto, allora è possibile arricchire la parete di appoggio con una decorazione diversa, seppur integrata col resto delle pareti, o magari appendere magari una stampa, un quadro, una cartina geografica, qualcosa che sia visivamente staccato dal resto della stanza ma sempre con un tocco personale; d’altronde è il tuo angolo privato.

Smart working: tecnologia funzionale

Attenzione alla tecnologia! Non ci si deve preoccupare solo di avere un pc e una stampante; la tecnologia d’ora in poi sarà compagna per molte ore al giorno e non deve solo esserci, ma essere altamente funzionale.

Rivedere la connessione wi fi e se non è efficiente bisogna provvedere ad adeguare la linea. Spostare i cavi dove effettivamente sono necessari con una canalina; i cavi volanti sono antiestetici, scomodi e pericolosi.

Per lavorare in casa tutto deve essere comodo e funzionante. Il mouse deve essere di tipo ergonomico per prevenire le infiammazioni al polso.

Smart working: la comodità a tutela della salute

Ultima raccomandazione, evitare lo sgabello se possibile; sicuramente è pratico da inserire sotto la scrivania a fine giornata, ma la postura corretta è fondamentale per prevenire dolori alla schiena e alle articolazioni. Meglio coccolarsi con una comoda sedia per ufficio proporzionata alla scrivania scelta, oppure potrebbe andare bene anche una poltrona direzionale. Mai sacrificare la comodità per lo spazio, alla lunga risulterà controproducente.

Smart Working: conclusione

In conclusione lavorare da casa oggi è sempre più una realtà e una grande comodità a patto di avere una perfetta gestione del tempo, degli obiettivi e nel riorganizzare gli spazi magari seguendo questi piccoli consigli.

Per non spendere poi troppo per organizzare l’angolo ufficio in casa, si può fare riferimento anche ad un colosso come IKEA.

Per maggiori suggerimenti su come gestire gli spazi del tuo ufficio da casa, CONTATTAMI QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.