Privacy Policy Fondo di garanzia mutui prima casa anche nel 2019 -
Indirizzo E-mail

info@lapintus.it

Orari di apertura

Lun/Ven: 9-19 Sab: 9-12.30

Il fondo di garanzia mutui prima casa è stato rinnovato anche per l’anno 2019, vediamo insieme come e chi può accedere.

Come funziona il fondo garanzia mutui prima casa.
Fondo di garanzia mutui prima casa, come funziona?

Lo Stato si fa garante per agevolare il cittadino nell’acquisto della casa.

Il cittadino che necessita di maggiori garanzie per l’accesso a un mutuo finalizzato all’acquisto della prima casa, alla sua ristrutturazione o al miglioramento dell’efficienza energetica, può trovare nello Stato il supporto materiale che lo aiuta a ottenere tale prestito. Tramite il Fondo di garanzia mutui prima casa è infatti possibile accendere un mutuo presso una delle 175 banche aderenti all’iniziativa anche in assenza di garanzie da parte di familiari o terzi; la funzione di garante è infatti svolta dallo Stato.

Il fondo di garanzia mutui prima casa è ancora poco conosciuto

Il Fondo è stato istituito con la Legge di Stabilità del 27 Dicembre 2013 n 147, presso il Ministero dell’Economia e Finanze.  E’ stato identificato Consap come soggetto gestore del fondo, e messi a disposizione per gli anni 2014, 2015 e 2016, una riserva di 200 mln ciascuno, da concedere in garanzia a prima richiesta su mutui dell’importo massimo di 250 mila euro, per l’acquisto ovvero per interventi di ristrutturazione e accrescimento dell’efficienza energetica di unità immobiliari site sul territorio nazionale da adibire ad abitazione principale del mutuatario.

In cosa consiste l’agevolazione

Fondo di garanzia mutui prima casa; lo Stato si rende garante per l'accesso al mutuo ipotecario del cittadino.
Lo Stato si rende garante per il cittadino

Il fondo di garanzia consiste nel rilascio delle garanzie a copertura del 50% della quota capitale, per mutui ipotecari non eccedenti euro 250.000, da erogare per l’acquisto di immobili adibiti a prima casa, mutui volti ad incrementare le prestazioni energetiche, da una delle banche che hanno sottoscritto l’accordo tra MEF e ABI. Le banche che utilizzano le garanzie del Fondo non possono richiedere ulteriori garanzie, oltre a quella ipotecaria. La garanzia del fondo può essere richiesta, anche per mutui ipotecari fino al 100% del valore dell’immobile, solamente se tale offerta è presente presso la banca erogatrice del mutuo.

Fondo garanzia mutui, dal 2018 ampliati i parametri

Con l’aumento dei fondi a 650 mln e la possibilità di incremento da parte di Regioni ed Enti Pubblici, nel 2018 si è assistito ad un vero e proprio boom di richieste. Puoi vedere i numeri dal seguente articolo il sole 24 ore

Quali caratteristiche deve avere l’immobile da acquistare tramite il fondo

La garanzia può essere richiesta per l’acquisto di immobili di qualsiasi metratura, ad uso abitativo; l’immobile deve essere ubicato sul territorio nazionale; inoltre deve rientrare nelle categorie catastali diverse dall’ A1 (signorile), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici) e non deve avere le caratteristiche di lusso indicate nel decreto del Ministero dei lavori pubblici in data 2 agosto 1969, n. 1072.

Chi può richiedere il Fondo

Non c’è più il limite di reddito e di età. Rimane invece l’obbligo che il richiedente non risulti proprietario di altri immobili ad uso abitativo già al momento della domanda, salvo quelli ricevuti per successione o che siano concessi in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

Ulteriori vantaggi per gli under 35

Le giovani coppie di cui almeno uno dei due è inferiore ai 35 anni, gli under 35 con contratto di lavoro atipico, famiglie monoparentali con figlio minore, conduttori di alloggi popolari IACP, possono ulteriormente richiedere il tasso agevolato per i mutui prima casa. Si tratta di un tasso calmierato che non può essere più alto del tasso effettivo globale medio, e che viene pubblicato ogni 3 mesi da MEF.

Modalità d’inoltro della domanda d’accesso al fondo di garanzia

La domanda di accesso al Fondo va presentata direttamente alla Banca o Intermediario finanziario aderente all’iniziativa a cui si richiede il mutuo. L’ Istituto, che mantiene la facoltà di concedere o meno il mutuo, esegue la verifica della documentazione e inoltra la richiesta di garanzia al Fondo.  la domanda viene protocollata e datata al minuto in quanto, in caso di molteplici domande pervenute nella stessa giornata viene data priorità ai soggetti già citati sopra per le agevolazioni mutuo. L’esito positivo viene comunicato entro 15 giorni dalla richiesta, mentre il rigetto è comunicato già dopo 3 giorni.

In conclusione

Agevolazioni fiscali, Fondo di garanzia per i muti prima casa, Tassi agevolati, Fondo di solidarietà per i mutui; se il 2018 si è confermato l’anno ideale per comprare casa; il 2019 lo sarà ancor di più. Se hai necessità di una consulenza per sapere se puoi accedere al Fondo di garanzia mutui prima casa, compila il form per fissare un appuntamento.

Recommended Articles